Il mondo è bello perché è flat!

Antonio CasolinoApprofondimentiLeave a Comment

Sono stato sempre un estimatore del minimalismo e dell’essenzialità nel graphic design, chi mi conosce lo sa. Forse perché è una piccola dimostrazione nel suo piccolo che quella che volagarmente viene chiamata “grafica” è un progetto, rigoroso come il lavoro di un chirurgo o di un altro professionista, anche se raramente viene riconosciuto come tale (ma questo discorso merita un post a parte, magari in futuro).

Ebbene questo minimalismo ho scoperto essere diventato il trend del momento nel design ed in particolare nel webdesign. Si parla di flat design, che in italiano sarebbe un orrende design piatto. Questa tendenza consiste nell’eliminare molti fronzoli, in termini di elementi grafici (proprio il numero intendo) e nell’elaborazione del design che perde completamente l'”effettistica”, la varie bombature, ombreggiature, riflessi glossy, ribbon,  ecc. che per anni siamo stati costretti ad usare in nome della moda.

Anche i grandi brand stanno man mano recependo il tutto e mi piace analizzare qualche caso di azienda che ha voce in capitolo in ambito IT e design. Una a caso: Apple. Con iOS 7 ed il completo re-design dell’interfaccia, la casa di Cupertino ha definitivamente abbandonato lo scheumorfismo ossia l’arte di rappresentare iconicamente elementi presi dalla realtà per crearne un nesso disdascalico e diretto. Mi viene in mente ad esempio l’app Note che prima riproduceva in tutto e per tutto un block notes, di cui ora, invece, non è rimasto nulla. Le icone hanno perso i riflessi effetto vetro, le bombature ed utilizzano colori volutamente surreali, quasi fluo.

Google non è mai stato amante di tanti fronzoli, diciamoci la verità. Eppure (finalmente!) ha eliminato dal suo logo, l’unico “eccesso” che si era concesso, il famigerato smusso ad effetto rilievo di Photosop ed ha reso le tinte più sobrie.

 

Infine in Microsoft, in cui il concetto di flat ha sposato perfettamente anche quello di minimal.

 

Sul web è pieno di esempi di grandi brand che man mano stanno adottando questa filosofia (Xerox, Pepsi, Ebay, Hp, Intel). Voi cosa ne pensate?